Cerca nel blog:

sabato 30 marzo 2013

I sensi sviluppati del gatto

sensi-sviluppati-gatti

Il gatto è considerato un super-animale sicuramente per i suoi sensi molto sviluppati!

Percepisce il mondo in modo diverso da noi umani ed, anche per questo, spesso li osserviamo fare determinate azioni senza capirne il significato.

Diverse storie e racconti gli attribuiscono poteri soprannaturali, come quello di percepire in anticipo catastrofi come i terremoti perché messisi in fuga prima ancora che l’evento disastroso accadesse. Vediamo nel particolare i super sensi del nostro amico felino.

Udito
L’udito del gatto è tra i più fini del mondo mammifero. Molto superiore a quello umano e del cane. Riesce a percepire gli ultrasuoni che arrivano ai 64 KHz, mentre il cane arriva ai 45 KHz e l’uomo solamente 20 KHz. E con questa caratteristica si riesce a spiegare la percezione anticipata di alcune catastrofi.
Il suo super udito gli consente di stanare i piccoli roditori che emettono tipicamente degli ultrasuoni. A casa, invece, un gatto percepirà anche da lontano che stai maneggiando la sua busta di croccantini, infatti è l’espediente molto utile che ti consiglio di usare quando vuoi ritrovarlo facilmente. Oltre a captare il minimo rumore, con le sue orecchie mobili a 180°, riesce a risalire con grande precisione la fonte del rumore. Un difetto genetico nei gatti bianchi con gli occhi azzurri rende questo esemplare nell’80% dei casi sordo. Per questo motivo è bene limitare il loro territorio a luoghi sicuri.

Vista
Tipico dei predatori, la posizione frontale degli occhi gli permette un’ampia visione binoculare in modo da avere una visione tridimensionale e valutare le distanze. Rispetto all’uomo un gatto possiede la cornea, la pupilla ed il cristallino maggiormente sviluppati, mentre la retina, pur essendo di dimensioni simili, con il tapetum lucidum, struttura ricca di cristalli riflettenti, riesce a ricevere molta più luce.
Questo permette al gatto una visione notturna eccezionale con scarsissima luce. La sua pupilla a geometria variabile gli consente di regolare al meglio la luce in entrata, infatti ti capita di vedere negli occhi del tuo gatto, a seconda della luce presente, o una piccolissima fessura od una pupilla apertissima grande come  quasi tutto l’occhio. I gatti vedono nelle gradazioni di blu e verde e chiaramente nelle loro combinazioni. La mancanza di coni sensibili al rosso indica non solo che i gatti probabilmente non vedono questo colore, ma che gli oggetti rossi appaiono più scuri di quelli verdi o blu.

Olfatto
Con i suoi 200 milioni di terminazioni olfattive, il naso del gatto è perfino più sviluppato di quello del cane che ne possiede tra gli 80 ed i 100 milioni a seconda delle razze. L’essere umano ne ha solamente 5 milioni ed quindi facilmente intuibile che il nostro gatto percepisce odori che noi neanche immaginiamo. Quest’olfatto stupefacente gli garantisce una sensibilità estrema ed infatti se il cane azzanna comunque il boccone che gli viene dato per capire se è di suo gradimento, ad un gatto basta che lo ispezioni annusandolo. A metà strada tra i sensi olfatto è gusto c’è l’organo vomero-nasale (o di Jacobson
) che nel gatto capta ferormoni ed altre tracce chimiche molto importanti per la sessualità e la riproduzione.

Gusto
Anche il senso del gusto è molto sviluppato. Riesce a percepire una minima variazione del sapore dell’acqua! E’ sensibile a quattro sapori: amaro, acido, glutammato e salato. Tranne per alcune rare eccezioni non è per niente attirato dallo zucchero! Le preferenze alimentari, nella maggior parte dei casi, dipendono dai primi alimenti che ha consumato durante lo svezzamento. Le papille gustative assolvono anche altri compiti, avendo la forma di microscopici uncini sono adatti a scarnificare le ossa delle prede e alla pulizia del pelo.

Tatto
Con le sue vibrisse, presenti in più zone come baffi, sotto le zampe, sotto il mento e alle sopracciglia, riesce a percepire le più piccole variazioni di pressione e spostamento dell’aria. Le usa per orientarsi nel buio totale e per percepire oggetti ed ostacoli. Tutta la sua pelle è ricca di terminazioni nervose molto sensibili, ecco perché va accarezzato con delicatezza. Infine i morbidi polpastrelli sono sensibili alle vibrazioni.

Il sesto senso, l’equilibrio!
Grazie ad un sistema vestibolare particolarmente sviluppato, il gatto possiede un senso dell’equilibrio davvero notevole. Riesce ad atterrare sulle zampe anche se cade in malo modo e durante un salto riesce a cambiare direzione in volo.

Nessun commento:

Posta un commento

Il blog è un luogo dove poter scambiare idee e concetti ed in linea di massima pubblico tutti i commenti, anche quelli che criticano apertamente quello che scrivo. Questo per poter poi ulteriormente approfondire le tematiche trattate. Solo su una cosa non transigo, l'educazione! Non saranno pubblicati di conseguenza tutti quei commenti che screditano per il solo gusto di farlo e che possano offendere l'operato degli autori e/o di chi commenta. Non pubblicherò neanche i commenti dove si pubblicizza un prodotto o un attività, anche se abilmente celati. Grazie

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...